• Diego Nicola Dentico

16.10.2021 - Tredicina di Imox

Aggiornamento: ott 28

Tredicina di Imox



Come posso spezzare la barriera della quotidianità?

Come posso dialogare con il lato invisibile della realtà e del sogno?


Il glifo di Imox raffigura una ninfea, presumibilmente utilizzata in cerimonie psicotrope di contatto con il mondo degli spiriti e dell’inconscio. Imox è l'antica Madre Acqua, la meravigliosa memoria della Coscienza che può essere ancestrale (coccodrillo) o gioiosa (delfino). A Imox sono associati il ventre e il sangue.

I giorni Imox sono buoni momenti per fare offerte alla madre acqua, alla madre terra, ringraziare per le piante medicinali e per sviluppare l'intuizione più profonda. Sono giorni di meditazione e preghiera, ottimi per chiedere la guarigione dalla malattia mentale e per includersi nel flusso della vita.

Imox rappresenta l’originalità intrinseca in ogni forma della Creazione.


16.10.2021: 1 Imox, l’immagine primordiale della Creazione.

17.10.2021: 2 Iq', l’Uno si frantuma nella vibrazione molteplice, nasce lo specchio in cui si riflette la chiara Coscienza.

18.10.2021: 3 Aq’ab’al’, il volere degli déi si manifesta nel Sogno.

19.10.2021: 4 K’at, è organizzata la nascita di tutti gli esseri.

20.10.2021: 5 Kan, è sostenuto il flusso della saggezza dall’invisibile al visibile.

21.10.2021: 6 Kame, la trasformazione è ispirazione costante.

22.10.2021: 7 Keej, il Cervo consegna il potere dell’equilibrio attraverso la disciplina.

23.10.2021: 8 Q’anil, energia che fa beneficio a tutta la Creazione e che permette la moltiplicazione delle forme.

24.10.2021: 9 Toj, energia di cerimonia, la saggezza e il servizio si muovono di pari passo.

25.10.2021: 10 T’zi, la trasformazione della legge cosmica.

26.10.2021: 11 B’atz’, l’artista del tempo agisce con il mandato dell’autorità della montagna.

27.10.2021: 12 E’, il cammino si eleva dal Cuore della Terra verso il Cuore del Cielo.

28.10.2021: 13 Aaj, integrazione del servizio alla comunità estesa di esseri umani, ecosistema, Spirito.



Una pratica essenziale

Questa piccola pratica di contemplazione (arte della Veggenza), preghiera (arte dell'Intento), ricapitolazione (arte dell'Agguato) e sogno fiorito (arte del Sognare) l'ho formulata sulla base degli insegnamenti dei vari maestri che ho incontrato, in questa e in altre realtà. Rappresenta un protocollo base della via Maya-Tolteca, che ovviamente non si esaurisce in queste brevi righe.


Giorno - Offerta al Nahual

Inspiro.

Sollevo le mani verso l’alto, immaginando di poter catturare tutti i corpi celesti e concentrarli in un solo punto luminoso. Uk’u’x Kaj. Cuore del Cielo.

Espiro.

Le mani scendono, porto il Cuore del Cielo al mio cuore. Sono uno con l’Immaginazione Infinita del Cosmo.

Inspiro.

Apro le mani e le allargo verso il basso immaginando di poter abbracciare tutto il potere del mondo tellurico e degli alleati in forma animale. Uk’u’x Ulew. Cuore della Terra.

Espiro.

Le mani salgono, porto il Cuore della Terra al mio cuore. Sono uno con l’Amore Infinito del Cosmo.

Inspiro.

Le mani si aprono come ali a entrambi i lati del mio corpo.

Condivido il mio cuore con il Cuore di Tutti gli Esseri visibili e invisibili.

Sono uno con il Potere Infinito del Cosmo.

Offro la fiamma di una candela, grani di copale sul carbone dell'altare, percepisco l'aspetto della realtà rappresentato da uno specifico nahual allineandomi ai suggerimenti del calendario sacro.


Ad esempio: nei giorni Q'anil mediterò sui poteri che tutto portano a maturazione, nei giorni Noj sulla silenziosa saggezza della natura, nei giorni Aq'ab'al sulla porosità onirica di ciò che definisco "reale" o nei giorni Tz'i sull'esattezza delle leggi cosmiche che può essere interpretata come spietatezza o come amore incondizionato, etc...


Notte - ensueno

Tredici respiri consapevoli.

Ricapitolo la giornata.

Riposo nella coscienza del (animale collegato al nahual).


42 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti