• Diego Nicola Dentico

Lavorare col singolo nahual o con la tredicina?


A ottobre del 2020 è nato il gruppo Whatsapp del Giardino del Curandero.

Si tratta di un luogo in cui nei giorni 1, 9 e 13 posto degli esercizi di connessione con il nahual del giorno, più qualche anteprima dal blog o segnalazioni dei miei eventi.

Alcnun* mi hanno posto il quesito: “Posso praticare anche in giorni differenti rispetto a quelli in cui le pratiche vengono suggerite?”


Da qui la mia decisione di scrivere questo post.

Il sacro calendario Cholq’ij è composto da due ruote, una di 13 numeri e una di 20 nahuales. Per semplificare molto possiamo dire che la prima dà un ritmo “settimanale”[1] di tredici giorni, la seconda un ritmo che potremmo paragonare ai giorni del mese[2]. Il risultato saranno giorni che possiamo esemplificare così: 1 Kan, 2 Kame, 3 Kiej, … , 13 Noj (1 serpente, 2 morte, 3 cervo, …, 13 saggezza).


Pertanto possiamo decidere di lavorare essenzialmente in due maniere: prestando attenzione alla tredicina (reqanq’ij), quindi al primo giorno della tredicina, o al singolo giorno.

Se decidiamo di seguire la tredicina le pratiche e le contemplazioni che vengono proposte nei giorni 1 possono essere utilizzate per i dodici giorni successivi al primo.

Possiamo immaginare i giorni 1 come una domanda che il Mistero ci pone.


Ad esempio, parlando della tredicina di 1 Ix (1 giaguaro), che tema mi sta proponendo di esplorare l’infinito? Il potere.

I vari giorni del calendario diventano delle possibili risposte da approfondire percependole nel nostro corpo e nella nostra vita.

Continuando con l’esempio: il secondo giorno è un giorno Tz’ikin, il suo significato è bellezza, elevazione, visione. Quindi possiamo porci le domande: qual è il potere della bellezza? O qual è il potere della visione? Come la visione genera potere? Qual è la relazione tra potere ed elevazione?


Se invece decidiamo di seguire il calendario giorno per giorno, le cose cambiano e possiamo approfondire il nahual esplorando contemporaneamente il suo significato e il significato del numero (es. tornando all’esempio di 2 Tz’ikin, laddove 2 sta per guarigione. Quindi: che guarigione mi porta la Visione?). Per informazioni sui vari nahuales clicca qui.


Ultima considerazione, ma non per importanza. Se salta la pratica per varie ragioni. I nahuales si arrabbieranno? Ci accadrà qualcosa di brutto? Saremo praticanti di scarso valore?

No, se salta la pratica… semplicemente salta la pratica.

Respiri profondi e seguiamo a vivere con leggerezza. Il tempo è l’ossigeno della mente e respirare dev’essere sempre un piacere, mai una fonte d’ansia.

Buone pratiche!


Ps. per un'informazione "basica" sulle pratiche del calendario sacro, consultate la pagina "Come camminare il calendario Maya".



___________________________________ [1] In realtà quasi bisettimanale, ma si tratta di una metafora. [2] No, non è vero, anche in questo caso si tratta di una metafora!

63 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Per quanto possa sembrare superfluo, ci teniamo a specificarlo. Vi ricordiamo che le informazioni qui ritrovate sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo. Quindi non vogliono (e non possono!) sostituire in alcun caso il consiglio di un medico, o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.)

Quando in questo sito viene utilizzato il termine "medicina tradizionale" lo si fa in riferimento a una categoria antropologica ben definita. 

© 2023 by Natural Remedies. Proudly created with Wix.com

  • Gruppo WhatsApp
  • Instagram Social Icon
  • b-facebook
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now