• Diego Nicola Dentico

Solstizio estivo 2020 (provincia di Torino)

Aggiornato il: mag 24




20 giugno 2020

La festa europea di San Giovanni è l’erede degli antichi festival del #Solstizio d’ #Estate ed è collegata al principio solare che “entra” nel mondo vegetale, caricandolo della sua forza e rendendo le erbe pronte per essere raccolte. In questo incontro ci troveremo per celebrare con la cerimonia #Maya del #fuoco (Xuculem).

La cerimonia del fuoco è il centro della Cosmovisione Maya. Attraverso la sua realizzazione gli #Ajqij (i portatori della tradizione) permettono un contatto tra il visibile e l’invisibile.

Il fuoco non è solo un mezzo per trasportare le preghiere dall’ “altro lato” della realtà: è un vero e proprio strumento di comunicazione. I nahuales e gli spiriti del pantheon Maya rispondono attraverso le reazioni del fuoco, attraverso le forme della legna incandescente o altri mezzi che gli occhi dell’Aj’qij’ sanno cogliere. Questo ci insegna che l’approccio indigeno alla preghiera non è quello di battersi la mano sul petto attendendo che qualcosa cada del cielo, ma una relazione. Se la Natura risponde chiedendo più offerta, non è per un superstizioso rapporto di do ut des, ma perché la relazione tra il praticante e una manifestazione delle forze necessita di essere nutrita.

È possibile entrare in comunicazione con il #nahual tramite il codice delle offerte. Tradizionalmente, queste possono essere tabacco, resina di copal, pane, candele in cera naturale.

Festeggeremo il Solstizio sostenuti dal nahual 12 #Tijax – energia dell’ossidiana, della cura e dell’equilibrio.

***

Programma indicativo


h. 18.00 – Ritrovo alla stazione di Chivasso per poi raggiungere la location

h. 18.30 – Cerimonia del Fuoco (dura circa 2 ore)

Da portare:


· Tutti i DPI di protezione secondo i decreti del Governo

· Cinque candele bianche (possibilmente in cera naturale)

· Una candela rossa (possibilmente in cera naturale)

· Tre sigari

· Un mazzetto di piante fresche di San Giovanni (esempio lavanda, iperico, rosmarino)

· Un pugno di semi vari o incenso in grani da offrire al fuoco

· Una bandana

· Tappetini o coperte per sedersi per terra

· Cena al sacco

***


Conduce:


Nicola Diego Dentico

All’interno della comunità Maya-Tz’tujil di Santiago Atitlàn – Guatemala – è stato formato e iniziato come Ajkun (curandero). Segue il Cammino Bianco ed è Ajq’ij’ secondo il lignaggio Maya-Qiché e Rabinal di Momostenango.

Nel 2018, a seguito di un periodo di apprendistato con una famiglia di guaritrici Maya, ha pubblicato il libro Nel Giardino delle Curanderas con Anima Edizioni.

Collabora con The Labyrinth – progetto di turismo comunitario – guidando viaggi dal proposito spirituale nei territori Maya.


Per informazioni e iscrizioni scrivetemi qui.

0 visualizzazioni

Per quanto possa sembrare superfluo, ci teniamo a specificarlo. Vi ricordiamo che le informazioni qui ritrovate sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo. Quindi non vogliono (e non possono!) sostituire in alcun caso il consiglio di un medico, o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, psicologi, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.)

Quando in questo sito viene utilizzato il termine "medicina tradizionale" lo si fa in riferimento a una categoria antropologica ben definita. 

© 2023 by Natural Remedies. Proudly created with Wix.com

  • Instagram Social Icon
  • b-facebook
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now